la spina

vincenzo montisano


Eccola, la spina che morde il calcagno.
Tra bocca e ano, la miseria.
Ingravido la via lattea di ponti
mi traccio rotte cosmiche per l’ombelico.
Bellezza, tu coagulata sui litorali del male,
sei pretesto per sperare che
Dio non sia cannibale.
Non temere, perché temere
è degli stupidi; sappi che
quest’epoca di mercato
sta svendendo i tuoi occhi
al macello delle carni tenere.

luglio 2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...