apnea

vincenzo montisano


Chiedo di lei a un passante che mi strappa via
tutti i denti e li scaraventa oltre l’ostacolo.
La pena è una città, dice, che naufraga nell’assenza.
Striscia sui gradini della forca: la donna che cerchi non ha verità,
ti appenderà per il collo tra seni inviolabili.
L’abbandono segnerà la rotta verso casa.
E quando i suoi occhi cederanno alla malia dell’eclissi
una collana di corda ti arrosserà la cotenna.
Quello sarà il momento di respirare.

giugno 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...