il riproporsi dello stordimento

vincenzo montisano


È il riproporsi dello stordimento
la coercizione mirabile del tempo.
Mi prende per gradi

la qualità del suo sadismo risale
come asfissiando l’ombra il picco
luccicante, terminale, delle montagne ferrose.
Nel sadismo occorre risolutezza.

Succhiatole il respiro in bocca
dall’esofago la mano alle spugne polmonari
il nodo della lotta cede alla responsabilità del dolore.
La sopravvivenza è una disfunzione della morte.

I giorni si accalcano sulle panchine.
Mi siedo fiaccato dalla persistenza degli alberi.
Nei giardini pubblici è l’anestesia.

Sfinirsi… sfinirsi fino all’ossidazione,
parlare a mia madre come a una cagna.

ottobre 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...