la crisi del ’17

vincenzo montisano


Un foulard è nel cellophane, vicino ai libri.
Una foto nella carta una capitale
un pavimento a scacchi e due ballerini di tango.
La mia nudità  tra i roghi estivi
e i pensieri – va a prenderli, sono tuoi!
Se sommo, questo letto s’ingorga di ricordi
e non posso sottrarti, non resterebbe nulla.
Me ne vado sbeffeggiato dalla grazia,
lascio il nostro centro nell’inganno di una riconciliazione.
In periferia raccatto ossi rotti, compagni
di sventura e una sensibilità che è un abominio.
Le nuvole cariche di ceneri figlieranno inseminate
da incendi colposi – nel dolore si può anche non morire.

settembre 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...